Lunedì, 22 Novembre 2021 Chieti

Covid, decisa l'estensione degli orari di apertura dei drive in

Positivi in crescita in molte scuole della Provincia di Chieti

Contagi in crescita, anche in provincia di Chieti, e la Asl allunga l’apertura dei Drive In. In considerazione della maggiore richiesta di tamponi registrata in questi giorni, il Direttore generale della Asl ha disposto una nuova programmazione che prevede l’estensione dell’attività a 6 giorni alla settimana nelle postazioni delle città più grandi.

Questi i nuovi orari:

Drive In Chieti  dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 13.30

Drive In Lanciano  dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 13.30

Drive In Vasto dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 13.30

Drive In Ortona  martedì e giovedì  dalle 9.00 alle 13.30

Drive In Gissi     martedì dalle 9.00 alle 13.30

Si tratta di un provvedimento finalizzato ad agevolare l’attività di testing, anche in riferimento agli alunni e al personale delle scuole, dove i contagi si stanno sviluppando in modo importante nelle ultime settimane, visto che attualmente i casi attivi tra 0 e 18 anni sono 154, che hanno determinato la scorsa settimana la prescrizione di  750 tamponi da parte del Dipartimento Prevenzione, diretto da Giuseppe Torzi. Attualmente a fronte di un caso positivo in ambito scolastico, le persone che ne sono state a contatto nelle 48 ore precedenti l’accertamento vengono sottoposte a un doppio tampone, il primo subito e il secondo 5 giorni dopo.  La continuità delle lezioni viene ripristinata già all’esito negativo del primo tampone e a sanificazione degli ambienti avvenuta.

Intanto sul fronte dei ricoveri si registra l’ingresso di due ottantenni non vaccinati di Chieti nel reparto di Malattie Infettive del “SS. Annunziata”, episodio che riporta in primo piano il rischio elevato che corrono le persone, specialmente anziane, che non hanno ricevuto alcuna dose.

“Desta sconcerto questo ricovero – sottolinea il Direttore generale della Asl Thomas Schael – perché sapere che dopo tutte le iniziative portate avanti a supporto della campagna vaccinale, e con due hub vaccinali aperti nel capoluogo, due anziani si siano ritrovati senza copertura vaccinali e finiti dritti in ospedale. Non posso fare a meno di chiedermi il perché e come sia potuto accadere, visto che siamo riusciti, in tutto il territorio a dare una copertura altissima con il  vaccino agli over 80. Al di là, ora, della necessità assoluta di ricevere la terza dose per tutti gli ultra 40enni, è di importanza vitale che i non vaccinati si decidano, perché non c’è più tempo da perdere. E i contagi in aumento anche nel nostro territorio ci dicono con chiarezza che la quarta ondata è dietro l’angolo, e dobbiamo attivarci per contrastarla, anche con il contributo irrinunciabile dei medici di medicina generale