Martedì, 24 Gennaio 2023 Abruzzo

Il canile sanitario di Pescara è stato posto sotto sequestro

Cuccioli sarebbero stati uccisi per liberare le gabbie

Soppressione illecita di cuccioli mediante la somministrazione dei farmaci per l’eutanasia e di ricovero non dovuto di cani. Per questi reati i militari del Nucleo Cites e del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale – Nipaaf del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, nella mattinata di ieri, hanno proceduto ad eseguire il decreto relativo al sequestro preventivo, delegato dal G.I.P. del locale Tribunale,  Giovanni De Renzis, del canile sanitario della ASL di Pescara, ubicato in Strada Migliori di Città Sant’Angelo.

Le indagini, partite la scorsa estate da una segnalazione di un’associazione animalista della città adriatica, avevano già portato al deferimento di tre persone, in concorso tra loro, per l’uccisione di cani, abuso d’ufficio e falsità ideologica.

Dagli accertamenti effettuati nello stesso canile sanitario e negli uffici della Asl di Pescara sarebbe emersa un’attività di soppressione illecita di cuccioli mediante la somministrazione dei farmaci per l’eutanasia e di ricovero non dovuto di cani.

“All’intero del canile sanitario”, ha detto il comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, “sono state scoperte anche false registrazioni di soppressione di animali che invece venivano ospitati irregolarmente”.