Mercoledì, 10 Luglio 2019 Vasto

Violentissima grandinata, centinaia di auto distrutte

Il Sindaco Menna chiede il riconoscimento dello stato di calamità

Una violentissima grandinata, che non si ricorda a memoria di uomo, si è abbattuta in tutto il Vastese lasciando notevoli danni a macchine e abitazioni. Auto completamente ammaccate, lunotti e parabrezzi sfondati, finestre rotte e tegole divelte. Chicchi di grandine grossi come noci e in alcuni punti come mele sono iniziati a scendere poco dopo le 14 di oggi. In mezz’ora è venuta giù tanta di quell’acqua e quella grandine che forse non si è mai vista prima.

In tanti hanno cercato riparo con le proprie automobili sotto i ponti, i cavalcavia o in qualche parcheggio coperto. A Vasto si registrano molti danni. Fortemente penalizzata l'agricoltura. Vigneti e frutteti sono stati spazzati via dalla furia del vento, dalla violenza della grandine e dall'abbondanza della pioggia.

Immediatamente presso la residenza Municipale è stato attivato il C.O.C. per il monitoraggio della delicata situazione. Una seconda riunione è prevista per le ore 20,30.

Il sindaco di Vasto, Francesco Menna fa sapere che ha immediatamente chiesto "alla Regione Abruzzo e al Governo nazionale il riconoscimento dello stato di calamità naturale”. Il primo cittadino chiede anche di “disporre dei danni e dei risarcimenti, una volta quantificati e valutati”.

A San Salvo si registrano divesrsi alberi spezzati. A San Salvo Marina molti gazebo sul lungomare sono stati spazzati via. Il sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca ha attivato il Coc (Centro operativo comunale) e come il sindaco di Vasto, chiederà “alla Regione Abruzzo e al Governo nazionale lo stato di calamità naturale per i danni subiti dalla mia città” .

Molte le chiamate ai Vigli del Fuoco di Vasto che sono intervenuti con tutti gli uomini ed i mezzi a disposizione.Particolarmente critica una situazione registrata lungo corso Mazzini.