Domenica, 9 Giugno 2019 Vastese

Il cantiere della Fondo Valle Sangro ora piace alla nuova Giunta Regionale

La risposta di Paolucci: "Il sopralluogo fatto ha 1500 giorni di lavoro alle spalle. Circa 200 milioni di euro con zero euro a carico degli abruzzesi"

Il presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio, accompagnato dal sottosegretario Umberto D’Annuntiis e dall’assessore Nicola Campitelli, ha visitato il cantiere aperto circa un anno fa per il completamento della statale 652 “Fondovalle Sangro”. L’opera ha un costo complessivo di 190 milioni 400 mila euro ed è stata finanziata dalla Regione per 78 milioni a valere sul Masterplan, mentre gli altri 69 milioni sono stati stanziati attraverso le risorse del decreto Sblocca Italia. I lavori riguardano i 5.3 chilometri compresi tra le stazioni di Gamberale e Civitaluparella, di cui 2.5 in galleria e 1.2 su cinque viadotti.

L’entrata in funzione dell’arteria è prevista entro il 2022. Servirà a collegare l’Adriatico al Tirreno attraverso l’Abruzzo e il Molise. Il presidente Marsilio ha incontrato, nell’area del cantiere, allestito nell’ex stazione di Gamberale, i vertici dell’Anas, i rappresentanti delle ditte aggiudicatarie dei lavori e i sindaci dei Comuni interessati.

“Si tratta di una infrastruttura strategica per il nostro territorio, attesa da 40 anni, la quale porterà benefici positivi – ha detto il presidente Marco Marsilio -. Quando abbiamo un’opera pubblica importante come questa, ereditata dalla precedente amministrazione – osserva il presidente – il mio compito è controllare che tutto proceda nel verso giusto, che siano spese bene le risorse pubbliche, e che sia ultimata nei tempi previsti dal cronoprogramma dell’appalto. Nel corso dell’incontro mi sono state segnalate alcune priorità rispetto all’avanzamento del cantiere che saranno immediatamente esaminate dai nostri uffici regionali”.

La realizzazione dell’opera ha subito un leggero rallentamento a causa del maltempo dei mesi scorsi. La Regione Abruzzo ha messo a disposizione alcune aree per lo stoccaggio del materiale e dei mezzi dell’impresa; sono terreni di proprietà della società di trasporti Tua.

“Il sopralluogo fatto ha 1500 giorni di lavoro alle spalle. Circa 200 milioni di euro con zero euro a carico degli abruzzesi”. Questo il commento del consigliere regionale e capogruppo del PD, Silvio Paolucci. “Siamo soddisfatti che il Presidente Marsilio faccia visita al cantiere più grande d’Abruzzo (al netto di quelli del cratere sismico) nel quale operai specializzati sono all’opera per la realizzazione del tratto conclusivo della Fondovalle Sangro”.

“E’ possibile toccare con mano lo straordinario lavoro messo in campo dalla Giunta D’Alfonso – rileva Paolucci – che ha consentito e facilitato la realizzazione di un’opera strategica, attesa da mezzo secolo, per il rilancio del distretto produttivo della Val di Sangro e per lo strategico rafforzamento del l’asse Tirreno- Adriatico. In tanti in passato hanno rinunciato a provarci quando era più facile e le risorse erano di più. Ora si tratta di allineare il tempo dei lavori con gli impegni presi e le aspettative della comunità e di affrontare il tema della strada provinciale sangrina”. “Abbiamo anche lasciato una montagna di finanziamenti per il potenziamento ferroviario e portuale abruzzese – dichiara in conclusione il capogruppo PD – ed ulteriori infrastrutture che saranno presto cantierizzate. Serve continuare a spingere nella stessa direzione. E che la Giunta di oggi possa definire con provvedimento tipico le opere strategiche e le risorse aggiuntive che intende attrarre dal Governo nazionale”.