Mercoledì, 10 Aprile 2019 Chieti

Questore di Chieti: "Siamo vicini a coniugi Martelli rapinati in villa"

Un riconoscimento consegnato a Carlo e Niva Martelli

Un segno tangibile della vicinanza della Polizia di Stato Carlo e Niva Martelli, moglie a marito, vittime di una rapina brutale notturna nella loro villa a Lanciano (Chieti), a settembre dell'anno scorso, ad opera di una banda di romeni, tutti arrestati a conclusione delle serrate indagini nei giorni successivi. E' il segno che il questore di Chieti Ruggero Borzacchiello ha voluto dare oggi in occasione della Festa della Polizia donando ai coniugi un piatto di ceramica con il simbolo della Questura teatina durante le cerimonia svoltasi nell'aula magna del rettorato dell'università ''D'Annunzio'' a Chieti.
    Nel corso della cerimonia sono state anche premiate le classi vincitrici a livello provinciale del concorso ''PretenDiamo legalità a scuola con il Commissario Mascherpa'', un concorso finalizzato al valore e al rispetto delle regole. Il premio, per i progetti e gli elaborati, è andato per la scuola primaria a due quarte e due quinte del rione Cappuccini della direzione didattica Modesto della Porta di Guardiagrele, alla terza classe della scuola primaria dell'istituto comprensivo di Castiglione Messer Marino e alla terza A del liceo artistico Pantini - Pudente di Vasto. Riconoscimenti sono stati consegnati al personale della Polizia che ha portato a termine importanti attività operative ed investigative. Alla cerimonia hanno partecipato anche i ragazzi dell'Anfass di Chieti ai quali il questore ha ribadito il legale fra l'associazione e la Polizia di Stato.